UNA NOTIZIA IMPORTANTE: nasce L’ACCADEMIA VENETA di gestione faunistica – cultura della Caccia – conservazione della Natura

Questi lunghi mesi di restrizioni, lunghe chiusure e tempo per riflettere non sono stati solo negativi; ci hanno dato il tempo di lavorare ad un progetto cui pensavamo da tempo e che porta la nostra Regione ad un nuovo livello nella gestione faunistica e nella formazione dei cacciatori.

Pubblichiamo lo statuto e lo Staff tecnico – scientifico dell’ ACCADEMIA: pensiamo di aver fatto un buon lavoro, offrendo alla regione Veneto un prezioso strumento di consulenza ed organizzazione della didattica venatoria.

  Scopo della gestione faunistica e della caccia deve essere la conservazione, attraverso la preservazione di specie, ambienti, biodiversità.

Nessun intervento, caccia compresa, può essere ammissibile senza una rigorosa gestione del patrimonio faunistico e dell’ambiente, senza conoscenza e rispetto per una ricchezza naturale che è di tutti e da tutti può essere fruita.

Nessun intervento, caccia compresa, può essere ammissibile senza una profonda conoscenza scientifica e tecnica.

Nessun intervento, caccia compresa, può essere ammissibile senza una rigorosa etica, che si manifesta come conoscenza, moderazione, rispetto e dialogo con le componenti della società.

La gestione faunistico-ambientale, presente da lungo tempo in paesi stranieri e nata nella Mitteleuropa da ben oltre un secolo, è concezione relativamente nuova nella maggior parte del  nostro paese. Essa é coincisa con il notevole aumento delle specie di ungulati (cervidi, bovidi e suidi), con l’adozione degli interventi di selezione, con regolamentazioni più severe e tecniche dell’attività venatoria e con la necessità di controllo di specie eccessivamente invasive,  causa di danni e pericoli nel contatto con le attività umane.

Molto, tuttavia, resta ancora da fare.

Occorre unificare a livello nazionale, ove possibile, regole talvolta diverse da Provincia a Provincia e da Regione a Regione, unificare, in stretto contatto con ISPRA, programmi didattici e formativi, avvalersi di docenti altamente qualificati, valorizzare le competenze e l’impegno di chi opera in questo settore, sia nel pubblico che nel privato ed evitare ogni forma di “estremismo” in ogni senso.

Molto resta da fare soprattutto sotto il profilo della formazione, della “scuola”, della profonda presa di coscienza del significato e della valenza degli interventi di gestione.

L’ACCADEMIA VENETA nasce da queste esigenze, sentite anche nella nostra Regione, per offrire un modello didattico, già sperimentato con successo, che si rivolga agli operatori e cacciatori da un lato ed all’ente Regione dall’altro onde garantire un elevato livello di formazione, applicabile su tutto il territorio regionale, senza alcun onere economico ed organizzativo per l’Ente stesso, salvo l’onere del controllo e della verifica.

L’ACCADEMIA VENETA si è dotata di Docenti di elevato livello e sicure competenze, spesso di grado universitario, con ampia esperienza nel loro settore e nella didattica. Molti sono autorizzati ISPRA, gli altri hanno un curriculum che giustifica ampiamente interventi didattici.

L’ACCADEMIA VENETA è aperta ad ogni tipo di collaborazione con privati ed Enti che perseguano gli stessi fini e cerca costantemente la collaborazione di qualificati Studiosi ed Esperti, tenendo sempre in debita considerazione i pareri ISPRA.

L’ACCADEMIA VENETA, in quest’ottica, ritiene di poter offrire un servizio di elevata qualità alle Associazioni venatorie, agli Enti di gestione e soprattutto alle Istituzioni regionali del Veneto.

    Lo Staff

      ACCADEMIA VENETA DI GESTIONE FAUNISTICA STAFF DOCENTI E CONSULENTI

DOTT. PROF. MICHELANGELO FEDERICI DI GORZONE

(Responsabile pro tempore Accademia Veneta)

Presidente APEAV, portavoce Coordinamento Veneto. Laurea: Filosofia e Storia, ex docente, già socio di primaria fabbrica d’armi da caccia, già operatore professionale nel settore della caccia maggiore, selecontrollore. Docente di: armi, balistica, attrezzatura, tecniche di caccia, sicurezza con armi da fuoco, etica venatoria.

DOTT.  FRANCO  PERCO

 Laureato in Legge e Scienze Naturali, è uno dei pionieri della gestione faunistica e venatoria italiana, soprattutto nel campo della caccia di selezione e del controllo selettivo. È stato per quattordici anni direttore dell’Osservatorio Faunistico di Pordenone e per altri sei del Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Si è occupato di pianificazione di alcuni Ambiti Venatori e di molte Aree Protette, della reintroduzione dello Stambecco, del Camoscio, del Capriolo e del Cervo e dell’introduzione del Muflone. Ha al suo attivo diverse pubblicazioni e monografie sugli Ungulati (Cervo, Muflone, Capriolo), sulla fruizione naturalistica, sull’attività venatoria e sulla gestione faunistica, tutte materie nelle quali è un collaudato docente. 

DOTT. PROF.  SILVANO TOSO.

Ex Direttore INFS e responsabile consulenza gestione faunistica ISPRA, laureato in Biologia, docente universitario di zoologia, ecologia e conservazione e gestione della fauna, autore di numerose pubblicazioni scientifiche, cacciatore di selezione, da sempre coltiva l’interesse per il rapporto tra uomo e fauna nelle diverse articolazioni storiche, letterarie ed iconografiche. Docente di: biologia, zoologia, gestione faunistica, ecologia, rapporto tra uomo e fauna.

DOTT. RENATO SEMENZATO

Laurea: Scienze biologiche, autore di progetti faunistici, pubblicazioni, valutazioni impatto ambientale, collabora con Regioni e Provincie, oltre 100 corsi di selezione tenuti, docente autorizzato ISPRA. Docente di biologia, etologia, gestione faunistica, ecologia e dinamica delle specie.

DOTT. PAOLA PERESIN

Laurea: Scienze biologiche, autrice di studi e progetti faunistici, pubblicazioni, V.I.A., programmi faunistico-venatori, oltre 50 corsi di selezione tenuti, docente autorizzato ISPRA. Docente di biologia, etologia, gestione faunistica, ecologia e dinamica delle specie.

DOTT. ANTONIO BENCIOLINI.

Laurea: Veterinaria. Vicepresidente APEAV. Esperto di fauna selvatica, collaboratore in interventi di reintroduzione faunistica, selecontrollore. Docente di patologie della fauna selvatica, trattamento ed igiene della spoglia.

DOTT. ALESSANDRO SALVELLI

Laurea: Veterinaria – Presidente FIDC Verona. Specialista in Ispezione degli alimenti di    origine animale. Membro onorario EAZWV (European Association of Zoo and Wildlife Veterinarians). Membro Sivas Zoo (Società italiana veterinari animali selvatici). Esperto in Malattie infettive e zoonosi. Docente di igiene degli alimenti di origine  animale, zoonosi nella fauna selvatica.

SIG. DANIELE COMIOTTO DEL GATOL

Divulgatore tecnico faunistico. Formatore di selecontrollori. Esperto cinofilo ed istruttore di unità cinofile da lavoro nella detection, cani da polizia, recupero cani problematici e rapporto uomo – cane. Docente autorizzato ISPRA, formatore rilevatori biometrici. Docente di: gestione faunistica, prelievo selettivo, addestramento ed utilizzo cani da traccia e limieri. Rilevamento Biometrico

SIG. GIULIANO COLOMBI.

Tecnico faunistico, esperto giudice e formatore giudici ENCI. Esperto in cani da recuper  e limiere, cacciatore di selezione. Docente in tecniche di prelievo, controllo e catture , addestramento e conduzione cani da recupero e limiere

DOTT. MARCO MARANI.

Laurea: Economia. Esperto in valutazione e trofeistica, misuratore ufficiale C.I.C., selecontrollore. Docente di trofeistica e valutazione.

DOTT. AVV. MARIO VITTORE DE MARZI

Laurea: Giurisprudenza. Svolge attività di Avvocato Penalista, selecontrollore. Docente di legislazione e diritto della caccia e delle armi.

DOTT. PROF. GIANPAOLO ANGELINI.

Laurea: Medicina e Chirurgia, specialista e già Docente universitario in medicina interna e in gastroenterologia, autore di pubblicazioni scientifiche, selecontrollore. Docente di sicurezza sanitaria e primo soccorso.

DOTT. CRISTOFORO GROSSLERCHER.

Laurea: Medicina e Chirurgia, spec. Neurochirurgia, autore pubblicazioni scientifiche, istruttore di sopravvivenza e primo soccorso per l’Aeronautica militare e Corpi Speciali, selecontrollore. Docente di sicurezza, primo soccorso e dotazioni sanitarie.

SIG. FEDERICO BRICOLO.

Già Parlamentare, selecontrollore. Responsabile rapporti con Istituzioni e pubblica amministrazione.

GEOM. MARIO TEMELLIN.

Segretario APEAV, Vicepresidente e Segretario della Sezione Provinciale Federcaccia di Verona, responsabile Circolo UNCZA-Verona, Selecontrollore. Responsabile amministrativo e finanziario.

                                                                                                                                 Copiright Accademia Veneta -gennaio 2021            

2 thoughts on “UNA NOTIZIA IMPORTANTE: nasce L’ACCADEMIA VENETA di gestione faunistica – cultura della Caccia – conservazione della Natura

  1. Finalmente, era ora.In Trentino Esiste da tempo L’anno scorso sono dovuto andare in Trentino per corso selecontrollore. A quando i primi corsi venatori.Abbiamo,come cacciatori, bisogno sempre più di formazione venatoria. Tiziano

    1. Perfettamente d’accordo Tiziano. Era una assoluta necessità. Speriamo che la Regione apprezzi anche se c’è qualcuno (i soliti noti) che remano contro.
      Piccoli personaggi che forse hanno paura di perdere quell’importanza che non hanno.
      Appena possibile (covid permettendo) faremo: Selecontrollori, Cinghiale, Master sul Cervo e forse Sicurezza.
      Grazie per l’apprezzamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *